Messaggio
Home > Chi siamo > Laboratorio Fotoriproduzione
Uno degli scanner digitali del laboratorio

Laboratorio di Fotoriproduzione 

 

Il Laboratorio di Fotoriproduzione dell’Archivio di Stato di Torino, situato nella sede delle Sezioni Riunite, è stato inaugurato nel marzo 2006 in nuovi spazi ristrutturati dell’archivio, idonei a ricevere sia la dotazione del preesistente gabinetto fotografico tradizionale analogico, sia il nuovo gabinetto digitale.

Già nel 2004 il Laboratorio si era dotato di uno scanner digitale a colori ad alta risoluzione, sistema DRS (Digital Reproduction System), nella versione speciale formato triploA0, con tavolo di ripresa con cristallo, in grado di riprodurre in un’unica scansione originali di circa cm. 150 x 225, dotato del sistema d’illuminazione SynchroLight, attivo solo durante il processo di scansione, che genera luce priva di emissioni IR/UV, potenzialmente dannose per gli originali, non produce calore e non proietta luce nell'ambiente circostante.

Attualmente il gabinetto digitale comprende anche un secondo scanner digitale a colori, sistema DRS A1 plus, con  risoluzione massima di 600 dpi, un’apparecchiatura progettata per effettuare la scansione di documenti e volumi antichi, fino alla dimensione di cm 65x100 con dorso massimo di cm 25, riducendo al minimo, o addirittura annullando, il rischio di danneggiamento dell’originale per via del  piano basculante automatico con regolazione fine della pressione. Questo scanner è altresì utilizzato per la scansione dei rotoli pergamenacei grazie a  un'apposita struttura ideata dagli operatori del Laboratorio di Fotoriproduzione per ovviare a traumatici trascinamenti dei rotoli sul piano di ripresa ed evitare il disordinato accumulo a terra delle parti di documento già acquisite.

È provvisto inoltre di scanner per la scansione dei supporti fotografici tradizionali: scanner per pellicole piane fino al formato 20 x 25 (Epson Expression 1680 Pro), Film scanner 35 mm. (NIKON Super Coolscan 4000 ED), stazione di conversione, visualizzazione e stampa di microfilm (KODAK ABR3000 DSV). È dotato inoltre di una camera digitale professionale 35 mm., computer di pilotaggio, stampanti a colori e in bianco e nero.

La crescente specializzazione del personale interno nella riproduzione in formato digitale ha via via limitato fino quasi ad annullare le domande di riproduzioni analogiche tradizionali, che attualmente vengono eseguite solo dopo attento vaglio di motivate  richieste.

 

Scritto da Redazione Web ASTO   
Giovedì 18 Novembre 2010 17:31
Ultimo aggiornamento ( Venerdì 30 Settembre 2011 07:55 )
 
Creato da Redazione ASTO
Data creazione: Non definita
Ultimo aggiornamento (Non definito)