Mercoledì 19 giugno alle 16.30  in sala conferenze si svolgerà la presentazione del terzo volume, a cura di Rosanna Roccia, dell’Epistolario di Urbano Rattazzi, edito dall’Istituto per la Storia del Risorgimento italiano.
Disperse sin dagli ultimi decenni dell’Ottocento e in gran parte ritrovate da Carlo Pischedda, le lettere di Urbano Rattazzi (Alessandria, 1808 – Frosinone, 1873), sono ora raccolte nell’Epistolario, a cura di Rosanna Roccia, edito nella collana “Fonti” dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano.
Il carteggio scandisce i tempi della vita privata e le tappe della carriera politica dell’avvocato piemontese, dal 1848 deputato alla Camera subalpina e poi italiana, più volte ministro, chiamato dal re al vertice del governo nel 1862 e nel 1867.
Il dialogo con i molti interlocutori, nonostante lacune e discontinuità, delinea un profilo più netto e articolato di colui che la storiografia ha sinora inesorabilmente legato ai drammatici eventi di Novara, Aspromonte e Mentana, mettendo in luce responsabilità oggettive e aprendo squarci inediti nella sfera dell’intimità.

Intervengono:
Umberto Levra, Istituto per la Storia del Risorgimento italiano, Comitato di Torino
Pierangelo Gentile, Università degli Studi di Torino

Presentazione
Quando:
Mercoledì 19 giugno 2019, ore 16.30
Dove: piazzetta Mollino 1 (sala conferenze)

Ingresso gratuito 

TAGS: archivi, epistolario, Risorgimento, fonti

Scarica la locandina