Geisha, Giappone 1885, Archivio Duca di Genova-Scatola XXVI, busta 310

Il progetto ha reso disponibile alla consultazione online le fotografie appartenute a Tommaso di Savoia, secondo duca di Genova (1854-1931). Le fotografie presentano soggetti disparati, come ad esempio: membri della famiglia reale, amici o animali domestici del duca di Genova; parate, cortei e cerimonie ed eventi mondani; proprietà di famiglia, quali il castello di Aglié; armi e navi da guerra.

Un’interessante testimonianza di usi e costumi di popoli lontani sono le fotografie raccolte dal duca nel corso del suo giro del mondo, compiuto tra il 1879 e il 1881 al comando della corvetta “Vettor Pisani”.

Naviga le fotografie

ARCO CRONOLOGICO

Le fotografie del fondo Duca di Genova coprono un arco temporale che va dal 1880 al 1925 e si inseriscono nel più ampio complesso documentario che raccoglie le carte del ramo della famiglia Savoia-Genova. Le complesse vicende che portarono alla formazione dell’attuale fondo archivistico presero avvio dalle RR. patenti 8 febbrai 1763 con le quali il re Carlo Emanuele III stabiliva per il figlio secondogenito Benedetto Maurizio, duca del Chiablese, un appannaggio trasmissibile in perpetuo in linea maschile.

Vai alla scheda del fondo Duca di Genova

LA STORIA DEL PROGETTO DI DIGITALIZZAZIONE

Nella seconda metà degli Anni ’90 del XX secolo l’Archivio di Stato di Torino ha intrapreso, in collaborazione con la Fondazione Italiana per la Fotografia di Torino, un’operazione di analisi storica, restauro e catalogazione di parte della raccolta delle fotografie di questo fondo fotografico.

Eccezionale testimonianza degli anni della “Belle èpoque”, della Prima Guerra Mondiale e dell’età fascista, le fotografie, che presentavano uno stato di conservazione compromesso, sono state restaurate dal laboratorio di restauro di San Casciano de’ Bagni (SI), quindi catalogate dalla Fondazione Italiana per la Fotografia di Torino. 1097 fotografie sono state inoltre riprodotte in formato digitale e sono ora consultabili, assieme alla rispettiva scheda descrittiva che riporta le informazioni di contesto.