Curatori: Isabella Massabò Ricci, Marco Carassi e Chiara Cusanno
Titolo: Securitas et tranquillitas europae
Editore: Ministero per i Beni culturali e ambientali, Ufficio centrale per i Beni archivistici, Roma
Anno: 1996
Pagine: 318 pp., con illustrazioni + tavole
ISBN: 88-7125-113-X
Lingue: italiano, francese, inglese

Per acquistare il volume contatta l’Associazione Amici dell’Archivio di Stato »

Il volume, edito nel 1996 grazie alla collaborazione tra il Ministero dei Beni Culturali, l’Archivio di Stato di Torino ed il Comune di Torino, ha per oggetto lo studio dell’idea di Europa così come venne a delinearsi nei tre secoli intercorsi tra la Pace di Vestfalia (1648) e l’affermarsi dei Nazionalismi nel XIX secolo. I documenti che hanno reso possibile questa indagine sono quelli appartenenti alla Segreteria degli Esteri dello stato sabaudo: a partire da queste carte conservate a Torino è stato possibile indagare il momento, travagliato e drammatico, della nascita della Modernità. Il titolo “Securitas et tranquillitas Europae” è tratto dal testo del Trattato di Utrecht del 1713.

Isabella Massabò Ricci, archivista di Stato, è stata direttore dell’Archivio di Stato di Torino (1981-2006); è stata docente di Archivistica presso l’Università degli Studi di Torino e di Metodologia della ricerca storica presso il Politecnico di Torino. Nell’ambito del Consiglio internazionale degli archivi, è stata membro della sottocommissione per la comunicazione del Consiglio internazionale degli archivi (ICA-COM). Ha collaborato all’organizzazione di numerosi convegni e mostre volti alla valorizzazione del patrimonio archivistico

Marco Carassi, archivista di Stato dal 1975, è stato soprintendente archivistico per il Piemonte e la Valle d’Aosta (1999-2008) e per la Lombardia (2009) e direttore dell’Archivio di Stato di Torino; dal 1982, è docente della Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica istituita presso l’Archivio di Stato di Torino. Ha collaborato all’organizzazione di convegni e mostre in Italia, Francia, Spagna, Svizzera ed è coautore del Codice internazionale di deontologia degli archivisti (1996); ha pubblicato numerosi saggi e articoli di archivistica, storia degli archivi e storia delle istituzioni

Chiara Cusanno, archivista di Stato, è stata direttore dell’Archivio di Stato di Vercelli