Dati in caricamento. Attendere...

Produttori di archivi

//Produttori di archivi
  

Tutti i Soggetti Produttori   |   Seleziona per:     Enti    Famiglie    Persone   

Soggetto produttore
Nome
Istituto provinciale per la maternit e infanzia
Sede
Torino
Area geografica
-
Note storiche
Prima del sec XIX non compare, in ambito torinese, alcuna istituzione giuridicamente deputata all'assistenza degli "esposti". Tuttavia dal 1728 esisteva presso l'ospedale una struttura riservata alle partorienti bisognose, poi regolamentata con R. Biglietto 9 Lug 1732. Dal 1801 l'Opera delle partorienti divenne un'istituzione autonoma: l'Ospizio della maternit. L'Ospizio si occupava anche del ricovero degli esposti. Con la Restaurazione l'Ospizio mantenne la propria configurazione autonoma e nel 1815 venne dotato di una direzione. Con R. patenti 15 ott 1922 venivano confermate alla "direzione dell'opera di maternit di Torino" le competenze assistenziali, esercitate sino al 1869, quando gli ospizi per gli esposti vennero provvisti di direzioni di nomina prefettizia ed assunsero la denominazione di Ospizi dell'infanzia abbandonata. L'ospizio torinese, separato dall'opera della maternit, prosegu la propria attivit sino al 1927, anno in cui venne soppresso per effetto del R.D.Lgs. 8 Mag 1927, n. 798.
Note generali
Archivio di Stato di Torino, in Guida Generale degli Archivi di Stato Italiani, IV, Roma 1994, p. 603
Estremi cronologici
(1736 - 1942)


Elementi associati
Sezione Corte -> Istituti assistenza e beneficenza -> Istituto provinciale per l'infanzia e la maternit (IPI)


Una selezione di supporti metodologici che possono risultare utili agli studiosi e ai ricercatori:
  • il glossario [G] di archivistica;
  • raccolte di fonti, dizionari, repertori, guide e percorsi, compilazioni lessicografiche, apparati biografici;
  • link ai più importanti sistemi informativi e portali tematici europei, italiani, locali.
sistema-archivistico-nazionale-san Il portale SAN è il punto di accesso unificato alle risorse archivistiche nazionali. Il suo Catalogo delle risorse archivistiche-CAT fornisce una mappa generale del patrimonio archivistico italiano.
Torna in cima