Dati in caricamento. Attendere...

Produttori di archivi

//Produttori di archivi
  

Tutti i Soggetti Produttori   |   Seleziona per:     Enti    Famiglie    Persone   

Soggetto produttore
Nome
Cacherano d'Osasco
Titoli
-
Area geografica
Asti; Pinerolese; Piemonte
Note storiche
Ramo dell'antica famiglia del patriziato astigiano, praticarono attivit feneratizie e ne investirono i proventi in diritti signorili. Ebbero feudi nell'astigiano e nel pinerolese. La linea d'Osasco trae origine da Carlo, conte di Rocca d'Arazzo e signore d'Osasco, primo presidente della Camera dei Conti (1585). I suoi discendenti ebbero incarichi a corte e nell'esercito; diversi furono cavalieri e dignitari dell'Ordine di Malta, soprattutto a fine Settecento. Tra questi furono ricevitori di Piemonte Carlo Giacinto Ottavio (1713-1790), grande ammiraglio, e i nipoti Luigi e Giovanni Felice. Teobaldo (1768-1848), maggiore generale e cavaliere d'onore della regina Maria Teresa, gi cavaliere di Malta, fu insignito del collare dell'Annunziata. A questo periodo risalgono le alleanze matrimoniali con gli Arborio di Gattinara: Teobaldo spos nel 1817 Camilla Cordero di Belvedere, vedova del conte Bartolomeo di Gattinara, e la nipote ex fratre Maria Teresa spos nel 1820 il conte Mercurino di Gattinara.
Note generali
A. MANNO, Il patriziato subalpino, voll. dattiloscritti presso l'Archivio di Stato di Torino, ad vocem
Estremi cronologici
sec. XIII -


Elementi associati
Sezione Corte -> Archivi di famiglie e persone -> Cacherano d'Osasco


Una selezione di supporti metodologici che possono risultare utili agli studiosi e ai ricercatori:
  • il glossario [G] di archivistica;
  • raccolte di fonti, dizionari, repertori, guide e percorsi, compilazioni lessicografiche, apparati biografici;
  • link ai più importanti sistemi informativi e portali tematici europei, italiani, locali.
sistema-archivistico-nazionale-san Il portale SAN è il punto di accesso unificato alle risorse archivistiche nazionali. Il suo Catalogo delle risorse archivistiche-CAT fornisce una mappa generale del patrimonio archivistico italiano.
Torna in cima