Dati in caricamento. Attendere...

SEZIONE CORTE Piazza Castello, 209 | SEZIONI RIUNITE Via Piave, 21|as-to@beniculturali.it

Produttori di archivi

//Produttori di archivi
  

Tutti i Soggetti Produttori   |   Seleziona per:     Enti    Famiglie    Persone   

Soggetto produttore
Nome
Pallavicino di Ceva
Titoli
Marchesi d Priola
Area geografica
Ceva (Cuneo), Priola (Cuneo), Pamparato (Cuneo), Roascio (Cuneo)
Note storiche
Ramo dellantica famiglia obertenga, i Pallavicino dovettero risiedere a Ceva almeno dalla fine del XV secolo: risale al 1496 il testamento di un Gianantonio. Il figlio di questi, Giulio Cesare, ottenne nel 1541 e nel 1552 linvestitura di parti di Ceva e fu governatore della citt dal 1547 al 1561. Nel tempo, i Pallavicino avrebbero acquistato altre quote di Ceva e del suo marchesato. Con i figli di Giulio Cesare, Carlo e Paolo Antonio, la famiglia si divise nei due rami dei Pallavicino delle Frabose e dei Pallavicino di Ceva e Priola. Paolo Antonio infatti, a sua volta governatore di Ceva, spos in prime nozze Isabella, di Garzilasco di Ceva, che gli port in eredit parte di Priola (con investitura nel 1578), destinata a divenire, nel 1770, feudo principale della famiglia, con titolo marchionale, dopo lavocazione di Ceva alla Corona. A questi feudi si aggiunsero Pamparato, nel 1621 (poi ceduto ai Cordero, pur restando alcuni redditi ai Pallavicino) e, nel XVIII secolo, Roascio. Fra i molti personaggi di primo piano della famiglia, specie in ambito militare, si possono annoverare: Carlo Emanuele che fu governatore di Oneglia e Cherasco; Ignazio (1749-1825), magistrato (era senatore di Piemonte e di Savoia), che aveva combattuto la Guerra delle Alpi ed era stato fatto prigioniero, rimanendo in arresto a Grenoble mentre la moglie amministrava in Piemonte i beni della famiglia; Cosma Damiano (+ 1800), gi ufficiale, che tenta con esiti sfortunati lattivit imprenditoriale con la filatura; Casimiro senior (+ 1826), che entra nella burocrazia napoleonica come controllore delle imposte dirette dellarrondissement di Ceva; Paolina Ceva di Battifolio, moglie e giovane vedova di Casimiro, legata alla corte in quanto governatrice dei principi del sangue, e la nuora Leonia Gianazzo di Pamparato, moglie e vedova di Luigi, pia dama devota a Pio IX; Casimiro iunior (+1922), sindaco di Ceva, che investe le proprie energie in sperimentazioni imprenditoriali ed agrarie, con fortune alterne.
Note generali
-
Estremi cronologici
Secoli XV-XX


Elementi associati
Sezione Corte -> Archivi di famiglie e persone -> Pallavicino di Ceva (Famiglia)


Toggle Sliding Bar Area
Una selezione di supporti metodologici che possono risultare utili agli studiosi e ai ricercatori:
  • il glossario [G] di archivistica;
  • raccolte di fonti, dizionari, repertori, guide e percorsi, compilazioni lessicografiche, apparati biografici;
  • link ai più importanti sistemi informativi e portali tematici europei, italiani, locali.
Puoi segnalarci nuovi strumenti utilizzando il modulo alla pagina FEEDBACK.
sistema-archivistico-nazionale-san Il portale SAN è il punto di accesso unificato alle risorse archivistiche nazionali. Il suo Catalogo delle risorse archivistiche-CAT fornisce una mappa generale del patrimonio archivistico italiano.

Si avvisano i signori studiosi che il seguente orario sarà in vigore fino a venerdì 30 ottobre p.v.

Sezione Corte: martedì e venerdì ore 9-13 e 14-18;
Sezioni Riunite: lunedì e giovedì ore 9-13 e 14-18, mercoledì ore 9-14.
Sabato chiuso.

Per le modalità di accesso e tutti gli aggiornamenti cliccare qui.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie.Per saperne di più o negare il tuo consenso, consulta la cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. OK