Dati in caricamento. Attendere...

SEZIONE CORTE Piazza Castello, 209 | SEZIONI RIUNITE Via Piave, 21|as-to@cultura.gov.it

Produttori di archivi

//Produttori di archivi
  

Tutti i Soggetti Produttori   |   Seleziona per:     Enti    Famiglie    Persone   

Soggetto produttore
Nome
Istituto "Ferrante Aporti"
Sede
Torino
Area geografica
Torino; Piemonte
Note storiche
Le RR. PP. del 9 feb. 1839 destinarono la villa "La Generala" a "Correzionale dei giovani discoli", luogo di reclusione e rieducazione di ragazzi disadattati. Nel 1900 l'istituto venne intitolato al pedagogista don Ferrante Aporti (+ 1858). Il codice Rocco del 1931 elevava l'et imputabile ai 14 anni e destinava i minori alla misura di sicurezza del riformatorio giudiziale. La legge minorile del 1934 istituiva il "centro di rieducazione per minorenni", che doveva includere il tribunale dei minorenni, l'istituto di osservazione, la casa di rieducazione, il riformatorio giudiziario, il carcere minorile. Nel 1956 fu chiuso il riformatorio giudiziario; nel 1969 l'istituto di osservazione. Negli anni '70 il "Ferrante Aporti" fu definito come casa di rieducazione, e dal 1971 pot disporre di una comunit rieducativa esterna, funzionante sino alla fine degli anni '70. Oggi struttura del Ministero di Grazia e Giustizia, giuridicamente definita come istituto di osservazione per minori in custodia cautelare.
Note generali
A. ZAPPALA', "Il progetto Ferrante Aporti: un carcere, una citt", tesi di laurea in Scienze politiche, Universit di Torino, a.a. 1986/1987, pp. 1-6
Estremi cronologici
1839 -


Elementi associati
Sezioni Riunite -> Istituto penale minorile Ferrante Aporti


Una selezione di supporti metodologici che possono risultare utili agli studiosi e ai ricercatori:
  • il glossario [G] di archivistica;
  • raccolte di fonti, dizionari, repertori, guide e percorsi, compilazioni lessicografiche, apparati biografici;
  • link ai più importanti sistemi informativi e portali tematici europei, italiani, locali.
sistema-archivistico-nazionale-san Il portale SAN è il punto di accesso unificato alle risorse archivistiche nazionali. Il suo Catalogo delle risorse archivistiche-CAT fornisce una mappa generale del patrimonio archivistico italiano.
Torna in cima