Dati in caricamento. Attendere...

Produttori di archivi

//Produttori di archivi
  

Tutti i Soggetti Produttori   |   Seleziona per:     Enti    Famiglie    Persone   

Soggetto produttore
Nome
Sandretti, Matteo
Titoli
Partigiano, Archivista di Stato
Data nascita
19051124
Data morte
19870421
Luogo nascita
Crevacuore (VC)
Luogo morte
Novara
Area geografica
Torino
Note storiche
Consegue la maturit classica nel 1942 e dallo stesso anno fino al 1945 iscritto alla facolt di Giurisprudenza dell'Universit di Torino. Attivo in politica fin dal 1926, iscritto al Fronte degli Intellettuali e al Partito Nazionale Fascista nel 1932, immesso in ruolo nella carriera esecutiva dell'Amministrazione archivistica nel 1934, in servizio presso l'Archivio di Stato di Torino. Entra a far parte del Comitato di Liberazione Nazionale regionale piemontese costituitosi nel 1943. Nel 1944 iscritto al Partito Comunista, da cui uscir nel 1956. Nell'aprile 1944, per non prestare giuramento alla Repubblica Sociale Italiana, si rende irreperibile e si d alla clandestinit, con il nome di Elia. Dopo la Liberazione svolger importanti funzioni negli organi provvisori di governo e riprender servizio in Archivio di Stato nel 1946. Nel 1970 riceve la medaglia d'oro come partigiano combattente. Nel 1971 diventa Cavaliere Ufficiale dell'ordine al merito della Repubblica Italiana.
Note generali
-
Estremi cronologici
(1926 - 1970)


Elementi associati
Sezioni Riunite -> Archivi di famiglie e persone -> Sandretti Matteo


Una selezione di supporti metodologici che possono risultare utili agli studiosi e ai ricercatori:
  • il glossario [G] di archivistica;
  • raccolte di fonti, dizionari, repertori, guide e percorsi, compilazioni lessicografiche, apparati biografici;
  • link ai più importanti sistemi informativi e portali tematici europei, italiani, locali.
sistema-archivistico-nazionale-san Il portale SAN è il punto di accesso unificato alle risorse archivistiche nazionali. Il suo Catalogo delle risorse archivistiche-CAT fornisce una mappa generale del patrimonio archivistico italiano.
Torna in cima