Dati in caricamento. Attendere...

SEZIONE CORTE Piazza Castello, 209 | SEZIONI RIUNITE Via Piave, 21|as-to@beniculturali.it

Produttori di archivi

//Produttori di archivi
  

Tutti i Soggetti Produttori   |   Seleziona per:     Enti    Famiglie    Persone   

Soggetto produttore
Nome
Morozzo della Rocca
Titoli
Conti e marchesi
Area geografica
Piemonte
Note storiche

Famiglia tra le pi antiche dellaristocrazia piemontese, i Morozzo avevano subito negli ultimi secoli del Medioevo un forte ridimensionamento del loro nucleo originario dinteressi signorili e patrimoniali, situato tra le Valli del Tanaro e della Stura; e avevano fissato residenza e possedimenti in quel di Mondov. In et moderna essi restaurarono in parte ed ampliarono il loro dominio feudale con acquisti e successioni: il presidente Carlo Filippo riacquist dai Pallavicino nel 1628 il feudo di Morozzo (gi confiscato ai suoi avi da Roberto dAngi), ricevendone linvestitura con titolo comitale, e fu infeudato di un altro antico possedimento avito, Rocca de Baldi (1642). Ebbe inoltre parte di Roascio e Torricella (1635) e, per breve tempo (1620-1634), Roburent. Al nipote Gaspare pervennero per matrimonio Bianz, infeudato nel 1722 col marchesato, e San Genuario; nella seconda met del Settecento Anna Felicita Morozzo fu contessa di Valfenera e Castelletto (Castelletto Cervo), pervenutile per eredit materna.
La famiglia cont personaggi di primo piano in diversi ambiti. Limitandoci allet moderna (per agevolare la comprensione della struttura e del contenuto del presente archivio), tra i magistrati e i diplomatici si segnalano Ludovico, giureconsulto, primo presidente del Senato di Piemonte (1600) e governatore di Vercelli; il figlio Carlo Filippo, secondo presidente di Camera (1625), primo presidente del Senato (1641), gran cancelliere (1651) e ministro di Stato, autore di scritti legali e politici; alla generazione successiva, Carlo Francesco, gran cancelliere dellOrdine dei SS. Maurizio e Lazzaro (1662), gran mastro della casa ducale, ambasciatore a Milano, Parigi, Londra, Vienna; il figlio Gaspare, ambasciatore a Madrid. Tra gli ecclesiastici spicca il cardinale Giuseppe (1758-1842), governatore di Civitavecchia, commendatario di varie abbazie in Piemonte, vescovo di Novara (1817), visitatore apostolico del clero regolare degli stati sardi di terraferma. Intellettuali furono Carlo (+ 1804), matematico e presidente dellAccademia delle Scienze, e lo storico magg. gen. Emanuele (+ 1910), membro della R. Deputazione Subalpina di Storia Patria. Nellesplosione demografica della famiglia, inaugurata a inizio Ottocento dagli 11 figli di Carlo Filippo e continuata alla generazione successiva dagli almeno 18 figli di Cesare, autore di una linea secondogenita, numerosi furono i Morozzo che entrarono nellesercito sardo e presero parte alle vicende risorgimentali; il pi noto il generale Enrico (1807-1897), ministro della guerra, primo aiutante di campo del Re e capo di stato maggiore nelle campagne del 1860, 1861, 1866, senatore del Regno, cavaliere dellAnnunziata.
La politica matrimoniale dei Morozzo ampli gli interessi della casata al Piemonte orientale, allastigiano, al torinese e al pinerolese
Note generali
-
Estremi cronologici
(Secolo X-)


Elementi associati
Sezione Corte -> Archivi di famiglie e persone -> Morozzo della Rocca (Famiglia)


Toggle Sliding Bar Area
Una selezione di supporti metodologici che possono risultare utili agli studiosi e ai ricercatori:
  • il glossario [G] di archivistica;
  • raccolte di fonti, dizionari, repertori, guide e percorsi, compilazioni lessicografiche, apparati biografici;
  • link ai più importanti sistemi informativi e portali tematici europei, italiani, locali.
Puoi segnalarci nuovi strumenti utilizzando il modulo alla pagina FEEDBACK.
sistema-archivistico-nazionale-san Il portale SAN è il punto di accesso unificato alle risorse archivistiche nazionali. Il suo Catalogo delle risorse archivistiche-CAT fornisce una mappa generale del patrimonio archivistico italiano.

Si avvisano i signori studiosi che il seguente orario sarà in vigore fino a venerdì 30 ottobre p.v.

Sezione Corte: martedì e venerdì ore 9-13 e 14-18;
Sezioni Riunite: lunedì e giovedì ore 9-13 e 14-18, mercoledì ore 9-14.
Sabato chiuso.

Per le modalità di accesso e tutti gli aggiornamenti cliccare qui.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie.Per saperne di più o negare il tuo consenso, consulta la cookie policy. Cliccando su "OK" acconsenti all'uso dei cookie. OK